In questo ultimo periodo il fondotinta di The Ordinary, Coverage Foundation, si è guadagnato parecchio interesse sul web, tanto lo reputano un ottimo fondo ma c’è qualcuno che non è convinto.

Bene, io penso di essere tra quelli non proprio convinti che questo prodotto rappresenti la svolta nei fondotinta economici in quanto l’ applicazione non riesce mai ad essere perfetta.

Al momento la mia pelle è particolarmente secca e disidratata, ma non manca mai di creme ricche e idratanti per ristabilizzarla. Ogni qualvolta io vada ad applicare un fondotinta, o vi metto al di sotto un primer (dopo aver messo la crema viso ovvio) oppure una buona crema ricca che lascio assorbire per almeno 10 minuti prima dell’ applicazione del makeup.

Ho già testato questo fondo diverse volte e ogni volta trovo che sulla mia pelle faccia un effetto non proprio bellissimo, sembra quasi incresparsi o diventare disomogeneo.

Ho provato a stenderlo con le mani ma non è un’ applicazione che mi piace anche se abbastanza soddisfacente, risultato naturale e mediamente coprente. La mia tonalità è la 1.2 N e solitamente porto un 2.0 dell’ urban decay all nighter ed un vanilla dell’ accord parfait di L’ Orèal oppure ancora uno 02 dei fondi compatti di purobio.

Ho provato ad applicarlo con una spugnetta ma tende a trattenere troppo prodotto e ad abbassare quindi la coprenza.

Ho provato con diversi pennelli e l’ unico che mi è piaciuto, accoppiato con questo fondotinta, è il Red Amplified di NeveCosmetics. In questo caso riesco ad ottenere una buona coprenza e una stesura abbastanza uniforme.

Non riesco proprio a capire come mai a me faccia questo effetto sul viso. Eppure sto attenta a shakerarlo bene prima di prelevarlo, di stenderlo uniformemente e di non fare in modo che si mischi con i prodotti sottostanti.

Non mi rimane che provarlo con un primer molto siliconico e vedere come si comporta.

Un’ altra nota dolente di questo fondotinta è la coprenza, che varia ovviamente a seconda dello strumento usato ma che in ogni caso non è assolutamente un full coverage.

La durata sulla mia pelle secca è molto buona, se lo applico al mattino, resiste opaco fino a fine giornata senza problemi e senza perdere di pigmentazione. Però tende ad accentuarmi le rughette di espressione della fronte e alla lunga, le cicatrici da brufolo.

Il packaging è un suo enorme punto di forza. Realizzato interamente in plastica con effetto “anti scivolo” e dotato di pompetta per dosare al meglio il prodotto con la possibilità di bloccarla. Le dimensioni sono ridotte e lo rendono un prodotto perfetto per la pochette e per i viaggi.

Non mi convince al 100% ma devo dire che non è nemmeno un cattivo prodotto. Diciamo che lo reputo il classico fondotinta da tutti i giorni, ideale anche per le pelli più sensibili e reattive come la mia.

Io l’ ho comprato sul sito di Cult Beauty pagandolo £ 5,49 equivalenti a circa 6 euro. Spedizione gratuita su ordini con importo superiore ai 50£ e arriva in circa una settimana.

Miriam

 

 

Share: